La Storia

L’antica Magione di Serravalle Pistoiese.

Questo secolare edificio, recuperato dalla rovina e restaurato grazie all’impegno di una lavoriosa famiglia di gestori pugliesi, vede oggi rinnovarsi la sua fama di luogo dove sia possibile trovare un rifugio ospitale pur se temporaneo, lontano dal frastuono e dalla incombenza della vita quotidiana.

Costituita nel VIII secolo D.C. da tre fratelli Longobardi, un discendente dei quali ne fece, dono alla Chiesa, l’antica Magione nel corso dei secoli ha accolto la serena meditazione dei frati benedettini, ha ospitato le nobili armi dei cavalieri del Tau, difensori della fede e dei pellegrini ed ha assolto le funzioni di albergo, di ospedale e di ricca fattoria padronale, situata nel punto centrale della Toscana, fra Pistoia e Montecatini terme.

Tuttavia, qualunque sia stata la sua definizione, l’antica Magione di Serravalle Pistoiese è sempre stata e sempre sarà un edificio di campagna, sinonimo di quiete e di garbata accoglienza.

Se è vero che la vita ha un suo sapore che non sempre riusciamo ad assaporare, ebbene, crediamo che l’antica Magione, ancora oggi, possa farci recuperare parte di questo sapore.

L’aspetto rassenerante delle colline circostanti, ingentilite dall’olivo, l’aria pulita della valle della Nievole, inducono a fermarsi, soprattutto d’estate alla frescura dell’antica Magione per ritrovare il ristoro di una cucina semolice e genuina, come appunto si addice ai luoghi antichi.

Lontano dal rumore dei “fast food” o dal chiacchericcio dei ristoranti di città, senza le pretese di un’etichetta  appiccicosa e di maniera, una famiglia di gestori pugliesi, così amano definirsi   gli attuali proprietari, vi offrono piatti gustosi e sani, conditi dalla tradizione  Toscana dell’olio d’oliva e innaffiati dai corposi vini, rossi e bianchi Toscani.

Anche solo per curiosità pensiamo che valga la pena lasciare la strada maestra per raggiungere le bianche mura dell’Antica Magione.

Come tutto ebbe inizio...

Costantino Rinaldi

SCRIVIMI -->Inviami una Email
Costantino Rinaldi